creare una unità di apprendimento

Analizzare lo scenario culturale in cui si sviluppa la bioetica.
Esplorare le sfide aperte dai nuovi poteri di intervento tecnologico sulla vita.
Approfondire le questioni etiche sollevate dalle applicazioni biotecnologiche.
Considerare le problematiche emergenti nell’ambito giuridico e scientifico.
Sviluppare una capacità di analisi e critica delle discipline normative eticamente sensibili.
Promuovere la riflessione critica in una classe quinta del Liceo delle Scienze Applicate
La scelta di sviluppare un'UdA sulla Bioetica e le Sfide contemporanee è motivata da diversi fattori che collegano gli studenti e i contatti con referenti professionali o enti locali:
1. Rilevanza Sociale e Scientifica:
- La bioetica è un campo in continua evoluzione, con implicazioni dirette sulla vita delle persone.
- Gli studenti devono essere consapevoli delle sfide etiche legate ai progressi scientifici e tecnologici.
2. Coinvolgimento degli Studenti:
- Gli studenti sono spesso interessati a temi attuali e controversi.
- La bioetica offre opportunità di coinvolgimento attivo attraverso dibattiti, analisi di casi studio e riflessioni personali.
3. Collegamenti Interdisciplinari in vista dell'esame di Maturità:
- L'unità didattica sulla bioetica può collegarsi a diverse discipline, come scienze, filosofia, diritto e letteratura.
- Questo approccio multidisciplinare arricchisce l'apprendimento e stimola la curiosità.
4. Contatti con Esperti:
- Coinvolgere esperti di bioetica, medici o professori e ricercatori universitari può arricchire l'esperienza degli studenti.
- Questi contatti possono fornire prospettive reali di orientamento e informazioni di prima mano.
5. Focus sugli Assi Culturali e Profili di Indirizzo:
- L'unità didattica può essere adattata per rispecchiare gli assi culturali specifici del liceo scientifico dove l'approccio è più incentrato sulle basi biologiche e tecnologiche.
6. Collegamento con Altre UdA:
- L'unità sulla bioetica può collegarsi ad altre UdA di Educazione civica, come quella sulla salute, l'ambiente o la cittadinanza attiva.
- Questo favorisce una visione integrata e completa dell'apprendimento.
L'unità sulla bioetica offre un'opportunità per gli studenti di sviluppare competenze critiche, etiche e multidisciplinari, preparandoli a comprendere e affrontare le sfide del mondo contemporaneo.
Studenti e studentesse della classe quinta del Liceo di Scienze Applicate inserita in un ampio Polo scientifico, tecnico e professionale del centro Italia. 
II Quadrimestre: da Febbraio ad Aprile
Indicativamente non essere inferiore a 30 ore (16 ore dedicate all'Educazione civica e 14 alla didattica disciplinare).
Il tema è rilevante e interessante perché:
1. Attualità e Coinvolgimento Personale:
- La bioetica riguarda questioni che impattano direttamente la vita quotidiana degli individui.
- Gli studenti possono sentirsi coinvolti e interessati a temi come la clonazione, la manipolazione genetica e l'eutanasia.
2. Preparazione per il Futuro:
- La bioetica è strettamente legata ai progressi scientifici e tecnologici.
- Gli studenti imparano a valutare criticamente le implicazioni etiche di nuove scoperte e applicazioni biotecnologiche.
3. Sviluppo di Competenze Trasversali:
- L'analisi di casi studio e la partecipazione a dibattiti bioetici sviluppano competenze di pensiero critico e di comunicazione.
- Queste abilità sono preziose per il proseguimento degli studi e per la vita professionale.
- L'approccio multidisciplinare arricchisce l'apprendimento e stimola la curiosità.
4. Sensibilizzazione Etica:
- Gli studenti imparano a considerare le conseguenze delle decisioni scientifiche e tecnologiche.
- Questo li rende cittadini più consapevoli e responsabili.
Realizzazione di una miniserie di Podcast sulla bioetica e le sfide contemporanee dove si esplorano temi etici legati alla scienza, alla tecnologia e alla salute attraverso dibattiti, interviste, incontri e lezioni.
TIC: Tecnologie dell'Informazione e della Comunicazione
Pubblicazioni scientifiche sul tema
Classroom multimediale
Strumenti compensativi e dispensativi per alunni BES
Scienze Biologiche e Chimiche:
Esplorare le basi biologiche delle questioni etiche, come la clonazione, la manipolazione genetica e la terapia genica. Discutere l’uso etico delle biotecnologie e dei farmaci.
Filosofia e Storia della Scienza:
Analizzare i principi etici di filosofi come Kant, Mill e Jonas. Esaminare il contesto storico delle decisioni etiche nel campo scientifico.
Letteratura e Arte:
Leggere opere letterarie o visionare film che affrontano tematiche bioetiche.
Educazione Civica e Diritto:
Esplorare le leggi e i regolamenti che riguardano la bioetica. Discutere i diritti dei pazienti e le responsabilità dei professionisti della salute.
Lingua inglese:
Leggere le pubblicazioni scientifiche.
Definizione delle competenze
Viene elaborata dai docenti del CdC o di Dipartimento seguendo le linee guida delle Indicazioni Nazionali per i Licei, sulla base delle linee generali europee in materia di certificazione delle competenze definite dal Quadro Europeo delle qualifiche per l’apprendimento permanente (EQF) del 2009 e in linea con la programmazione per competenze di Istituto presente nel PTOF d’Istituto.

Riferimenti normativi:
Conoscenze
Rappresentano il risultato dell’assimilazione di informazioni attraverso
l’apprendimento. Le conoscenze sono un insieme di fatti, principi,
teorie e pratiche relative a un settore di lavoro o di studio. Nel contesto
del Quadro europeo delle qualifiche le conoscenze sono descritte come
teoriche e/o pratiche.
Abilità
Indicano le capacità di applicare conoscenze e di utilizzare know-how
per portare a termine compiti e risolvere problemi. Nel contesto del
Quadro europeo delle qualifiche le abilità sono descritte come cognitive
(comprendenti l’uso del pensiero logico, intuitivo e creativo) o pratiche
(comprendenti l’abilità manuale e l’uso di metodi, materiali, strumenti).
Competenze
Risultano la comprovata capacità di utilizzare conoscenze, abilità e
capacità personali, sociali e/o metodologiche, in situazioni di lavoro o di
studio e nello sviluppo professionale e personale. Nel contesto del
Quadro europeo delle qualifiche le competenze sono descritte in
termini di responsabilità e di autonomia.
Gli obiettivi generali dei licei includono la formazione di studenti capaci di analizzare criticamente, acquisire conoscenze e sviluppare competenze coerenti con le loro scelte personali e il proseguimento degli studi.
A partire dal decreto individuiamo i traguardi per lo sviluppo delle competenze e gli obiettivi di apprendimento più pertinenti. 
Traguardi per lo sviluppo delle competenze: L’alunno si informa in modo autonomo su fatti e problemi storici anche mediante l’uso di risorse digitali. Comprende testi storici e li sa rielaborare con un personale metodo di studio
Conoscenze
• Protagonisti, temi, concetti e problemi della storia della filosofia contemporanea, dal Positivismo al dibattito contemporaneo.
Abilità
• Comprendere e utilizzare linguaggi specifici che richiedano padronanza del lessico tecnico e conoscenza delle sue relazioni con l’uso comune.
• Analizzare i termini chiave e saperne ricostruire la genesi.
• Evidenziare i nessi sintattici, riformulare concetti e temi secondo codici nuovi e saperli collocare in altri contesti.
• Individuare in un argomento gli aspetti più rilevanti, i concetti fondamentali e coglierne i significati impliciti e reconditi.
Competenze
• Esprimere tematiche etico-scientifiche in modo fluido, corretto e articolato sotto il profilo argomentativo.
• Confrontare protagonisti, teorie e concetti elucidandone i nessi con il contesto storico-culturale di appartenenza.
• Interpretare i testi degli autori utilizzando apparati e strumenti critici.
• Confrontarsi dialetticamente con un interlocutore su un tema.
• Saper pianificare, svolgere ed esporre una ricerca personale.
• Comprendere i principi etici che guidano le decisioni in campo medico e scientifico.
• Analizzare le implicazioni etiche di avanzamenti tecnologici e biomedici.
• Esplorare le sfide etiche legate alla ricerca, alla salute e all’ambiente.
Linguaggio
Usare fonti di diverso tipo (documentarie, iconografiche, narrative, materiali, orali, digitali, ecc.) per produrre conoscenze su temi definiti
Competenze chiave europee (dalla Raccomandazione europea del 22 maggio 2018):
● Competenza alfabetica funzionale
● Competenze personale, sociale e capacità di imparare a imparare
● Competenza in materia di consapevolezza ed espressione culturali
Cooperative learning
● Essere in grado di lavorare in gruppo in modo collaborativo e cooperativo rispettando le opinioni altrui e partecipando attivamente alle discussioni
● Essere in grado di contribuire in modo proattivo alle attività di gruppo, assegnando e svolgendo compiti in modo equo e responsabile
● Comprendere i concetti di etica e biotecnologie
● Apertura al dibattito pubblico
● Capacità di leggere e comprendere testi scientifici di livello adeguato
Gli studenti/esse, dopo aver studiato i materiali forniti dai docenti, devono realizzare un Podcast dibattito, in gruppo e con la divisione di ruoli all'interno del gruppo. Ogni gruppo realizzerà una puntata della miniserie su: 
### Episodio 1: Introduzione alla Bioetica
- Cosa significa "bioetica" e perché è importante?
- Storia e sviluppo della disciplina.
- Le sfide etiche sollevate dalle nuove tecnologie biomediche.
### Episodio 2: Manipolazione Genetica e Clonazione
- Analisi delle implicazioni etiche della manipolazione genetica.
- Dibattito sulla clonazione umana e animale.
- Come bilanciare il progresso scientifico con l'etica?
### Episodio 3: Vita Artificiale e Ectogenesi
- Esplorazione della vita in vitro e delle tecniche di ectogenesi.
- Dilemmi etici legati alla creazione di embrioni umani in laboratorio.
- Quali diritti hanno gli esseri viventi creati artificialmente?
### Episodio 4: Diritto alla Vita e Fine Vita
- Eutanasia, suicidio assistito e diritto alla morte dignitosa.
- Discussione su come la società affronta la fine della vita.
- Ruolo dei medici e dei familiari nelle decisioni cruciali.
### Episodio 5: Biotecnologie e Ambiente
- Impatto ambientale delle biotecnologie.
- OGM, inquinamento e sostenibilità.
- Come bilanciare il progresso scientifico con la tutela dell'ambiente?
### Episodio 6: Futuro della Bioetica
- Cosa ci riserva il futuro in termini di sfide etiche?
- L'intelligenza artificiale, la medicina di precisione e altre frontiere.
- Come prepararsi per affrontare queste sfide?
Dibattiti Etici:
Organizzare dibattiti su questioni bioetiche come l’eutanasia, la sperimentazione sugli animali o la selezione embrionale. Coinvolgere gli studenti in ruoli diversi (medici, pazienti, eticisti) per esplorare prospettive diverse.
Analisi di Casi Studio:
Studiare casi reali di decisioni etiche in campo medico o scientifico. Discutere alternative e valutare le conseguenze.
Incontri con Esperti:
Invitare esperti di bioetica, medici o ricercatori a tenere conferenze o partecipare a discussioni con gli studenti.
Processi cognitivi principali associati alle attività degli studenti:
analisi, interpretazione, argomentazione, criticizzazione.
Fasi da svolgere:
● Lezione partecipata
● Ricerca individuale
● Incontri con esperti
● Laboratorio in classe
● Postproduzione a casa
L’UDA è rivolta ad una classe quinta della scuola secondaria di secondo grado. La classe è eterogenea per livello di apprendimento, è composta da 22 studenti divisi fra 8 ragazze e 14 ragazzi, di cui 2 con BES. In particolare un alunno dislessico con PDP ai sensi della L.170/2010 e una studentessa affetta da fibromialgia giovanile con PDP ai sensi della direttiva sui BES del 27/12/2012, dalla CM n. 8/2013 e dalla CM n. 2563/2013 che estende a tutti gli studenti in difficoltà il diritto alla personalizzazione dell’apprendimento, richiamandosi espressamente ai principi enunciati dalla legge n. 53/2003. Il livello di interesse è medio-alto e non ci sono problemi comportamentali. Gli studenti intervengono poco, sono molto scolastici e con poca attenzione alla contemporaneità per questo difficilmente esprimono considerazioni critiche sugli argomenti di attualità affrontati. 
Strategie educative
Lezione partecipata, attività guidate, lavori di gruppo, gruppi di ricerca, discussione interattiva, produzione di elaborati e di sintesi, didattica laboratoriale
Strumenti didattici
Libro di testo, saggi, riviste, appunti, dizionari, computer, strumenti ultimediali, lavagna interattiva multimediale (LIM), tablet, cellulari, videoproiettore, uscite
didattiche sul territorio.
Strategie per studenti BES e DSA
Nell’attuazione della legge 170/10 e successive integrazioni in materia di BES il CdC elabora i Piani Didattici Personalizzati che conterranno, oltre alle indicazioni didattiche e metodologiche, anche le misure compensative e dispensative previste.
La didattica terrà conto delle particolarità presenti all’interno dei gruppo e utilizzerà lo strumento tecnologico informatico e tecnologico più efficace per
facilitare e favorire l’apprendimento degli studenti e studentesse.
Metodologie
Metodo euristico-partecipativo, Esperienze extrascolastiche, Cooperative learning per la produzione dei materiali, CLIL.
Tecniche
Role playing, Brainstorming, Flipped classroom.
● Verifica dei prerequisiti e valutazione diagnostica. Tempi: 1 ora
● Introduzione alla bioetica attraverso una panoramica del contesto dello sviluppo della tecnica e dei principali temi. Tempi: 2 ore
● Approfondimento delle diverse temi della bioetica nelle diverse discipline. Tempi: 12 ore
● Studio dei personaggi chiave fra scienziati e filosofi: 6 ore
● Verifica intermedia (e valutazione formativa). Tempi: 1 ora
● Analisi dei documenti scientifici e delle esperienze attuali. Tempi: 4 ore.
● Discussione dei principali temi come temi etici legati alla scienza, alla tecnologia e alla salute. Tempi: 2 ore
● Realizzazione dei documenti per il Podcast in gruppo e delle fasi della miniserie. Flipped classroom
● Verifica finale con valutazione sommativa. Tempi: 2 ore
È importante notare che i tempi non sono precisi, ma possono variare. La motivazione è semplice: l’unità di apprendimento pone gli alunni al centro del processo di apprendimento e quindi i tempi dipendono dagli alunni.
● Verifica dei prerequisiti e valutazione diagnostica. Tempi: 1 ora
● Verifica intermedia orale e valutazione formativa sul laboratorio (correttezza dei dati e del lessico specifico, capacità di adattare le conoscenze a domande formulate
in maniere diverse, approfondimento degli argomenti e autonomia nell’impostare l’argomentazione). Tempi: 1 ora
● Verifica finale scritto-pratica con valutazione sommativa sui documenti prodotti (scaletta, introduzione, conclusione, interviste, sintesi di interventi). Tempi: 2 ore
● Verifiche studenti/esse BES
Le prove scritte in particolare terranno conto delle necessità individuali e verrà incoraggiata la produzione e l’uso delle mappe concettuali. Per quanto concerne gli alunni con DSA si seguiranno per la somministrazione delle prove scritte e orali le linee generali del PDP predisposto da ciascun Consigli di classe.
Conoscenze e abilità: griglia di valutazione. I criteri devono riferirsi agli OSA.
Indicare
- le variabili valutative chiave di prodotto e di processo e i livelli previsti per la rubrica
- le modalità operative di valutazione e gli strumenti da somministrare agli studenti (produzioni scritte, compiti, esperimenti, discussioni, produzioni multimediali)
- il peso dell’UdA in termini di voti.
Competenze: rubrica valutativa per valutare le competenze nelle dimensioni: partecipazione, collaborazione, comunicazione efficace, rispetto degli altri.
● Valutare la partecipazione attiva degli studenti nei dibattiti e nelle attività.
● Valutare la comprensione dei principi etici attraverso elaborati o presentazioni.
● Valutare la capacità di collegare concetti bioetici a diverse discipline. Autovalutazione
Questionari di autovalutazione individuale e di gruppo.

Vanno compilate, a cura dei docenti coinvolti, per ciascun studente alla conclusione delle attività previste.
Questa scheda fa parte integrante dell’UdA ed è destinata allo studente e traduce in modo semplice gli elementi essenziali dell’UdA in modo che lo studente possa comprendere al meglio che cosa (e perché) gli viene chiesto con i relativi criteri di valutazione.
Indicare, in forma essenziale:
 che cosa si chiede loro di fare
 con quali scopi e motivazioni
 con quali modalità (a livello individuale, di gruppo, collettivo, in aula, laboratorio, extra scuola, …)
 per realizzare quali prodotti
 in quanto tempo
 con quali risorse a disposizione (tecniche, logistiche, documentali, …).
/ 5
Grazie per aver votato!