umanesimo e rinascimento

                     … o stirpe divina in vesti umane … 
Leonardo da Vinci, Uomo vitruviano, 1490 circa, punta metallica e inchiostro su carta, 34,4 x 24,5 cm, Venezia, Gallerie dell’Accademia

INTRO

Leonardo da Vinci (1452-1519) è il simbolo dell'uomo rinascimentale: è l'intellettuale cosmopolita, artista, poeta, filosofo, scienziato e artigiano allo stesso tempo. Ai suoi tempi le botteghe degli artisti fiorentini erano laboratori in cui la natura è insieme oggetto di interesse artistico e di intervento tecnico, attraverso un apprendimento scientifico legato all'esperienza. La pittura, in particolare, è figlia della natura e permette in modo diretto e immediato di svelare e conoscere la realtà. 
Nel disegno di Leonardo al centro della pagina è disegnato un uomo nudo in posizione centrale. Le braccia e le gambe sono rappresentate in due posizioni. La punta del dito medio di entrambe le mani tocca il cerchio nel quale si inscrive la figura. Invece le dita delle mani sottostanti toccano i lati del quadrato nel quale la figura viene racchiusa. I piedi poggiano su un cerchio il cui centro è rappresentato dall’ombelico dell’uomo.
La ricerca delle proporzioni delle figure e soprattutto quella umana rivela la ricerca della bellezza. La figura umana è racchiusa entro un cerchio intersecato con un quadrato che già il filosofo greco Platone considerava perfette. Il cerchio si riferisce al cielo mentre il quadrato rappresenta la terra. Quindi l’uomo in esse entra in sintonia con cielo e terra. L’artista è colui che sa vedere e comprendere e riprodurre questa armonia. La figura umana viene analizzata e misurata con strumenti matematici e geometrici diventando anche simbolo di aspirazione ad un futuro migliore nel quale l’umanità assume sempre più la propria consapevolezza. 
Infatti, mentre nel Medioevo la natura era dominata dalla volontà di Dio, ora le nuove attività economiche sono indipendenti dagli eventi naturali e legate alla capacità dell'individuo concepito come riferimento centrale dell'universo, copula mundi, artefice del proprio destino e della propria natura, homo faber sui. 
La nuova economia mette quindi in primo piano la vita activa rispetto a quella contemplativa. L'interesse per la natura che dà vita a una vera e propria filosofia della natura.
In ambito politico con le nuove monarchie nazionali si afferma lo Stato moderno e la nozione di sovranità nazionale e la politica diventa una vera e propria scienza, con Niccolò Machiavelli, fondata su principi propri. 
Il rinnovamento culturale riguarda in modo significativo anche la sfera religiosa con la Riforma.

BAGAGLIO

* Neoplatonismo
* Filosofia medievale
* PACIFISMO: Erasmo, Lev Tolstoj, Martin Luther king.
* LIBERO E SERVO ARBITRIO: Erasmo, Dewey, Lutero, Freud.

STRUMENTI

* Scienza e pittura in Leonardo da Vinci
* La scuola di Atene di Raffaello
* Mappe di sintesi
* La rete del pensiero, Loescher
* Elogio della pazzia, Erasmo da Rotterdam

IL FILM

Giordano Bruno di Giuliano Montaldo, 1973

IL TESTO

DEVIAZIONI