Tag: sostegno

includere tutti nella comprensione del testo

Posted on giugno 3, 2016 in sostegno

Marcovaldo al Supermarket”

 tratto da Marcovaldo di Italo Calvino

Presentazione dell’attività alla classe

Si inizia col presentare l’attività a tutta la classe

  • Su un foglio stampato da distribuire a ciascun gruppo che si andrà a formare
  • Scrivendoli sulla lavagna
  • Chiedendo agli alunni di appuntarli su un foglio di promemoria

Cosa faremo

Un’attività di studio e comprensione di un capitolo intitolato “Marcovaldo al Supermarket” del testo di narrativa Marcovaldo di Italo Calvino.

L’attività sarà svolta in piccoli gruppi composti da 3 alunni ciascuno.

Perché lo faremo

Scopo del lavoro di gruppo sarà interrogare il testo su 6 quesiti e scrivere le risposte sulla tabella predisposta, al fine di costruire le scene per una rappresentazione teatrale. Questa attività ci permetterà di imparare a comprendere i testi, individuando 6 informazioni fondamentali: chi sono i protagonisti, cosa fanno, quando e dove agiscono, perché agiscono e come lo fanno. A partire da queste informazioni ciascun gruppo inventerà le scene per costruire il testo con tutta la classe.

Come lavoreremo

L’attività è divisa in due fasi.

  1. Interroghiamo il testo. In questa prima fase agirete come se foste dei giornalisti che intervistano il testo. Ciascuno all’interno del gruppo sarà il responsabile della risposta a due quesiti.
  2. Costruiamo le scene per la rappresentazione teatrale. In questa seconda fase ciascun gruppo decide quante scene costruire. All’interno del gruppo ci sarà un responsabile personaggi, un responsabile ambientazione e un responsabile copione.

Quanto tempo lavoreremo

L’attività durerà in totale 4 ore: 2 ore per la prima fase e 2 ore per la seconda fase. All’interno di ciascuna fase ci sarà una ulteriore scansione dei tempi. Per ciascuna fase vi darò man mano le indicazioni sui tempi parziali che avete a disposizione.

Formazione dei gruppi

La classe viene divisa in piccoli gruppi da tre alunni ciascuno. Puoi decidere di formare i gruppi secondo due criteri.

Formazione casuale: dividere il numero degli alunni per tre per ottenere il numero dei gruppi da formare. Es. con una classe di 24 alunni si ottengo 8 gruppi da 3. Per formare i gruppi si assegna a ciascun alunno un numero da 1 a 8 e ripetendo la sequenza fino a coprire tutta la classe, chiedendo a ciascuno di ricordarsi il numero assegnato. Infine si raggruppano tutti gli alunni con lo stesso numero: tutti i numeri 1, tutti i numeri 2 e così via, fino a tutti i numeri 8.

Formazione per livelli eterogenei di abilità: si valuta ciascun alunno  secondo 3 livelli di partenza nell’abilità di ricavare informazioni esplicite ed implicite nel testo narrativo, come nella rubrica di valutazione:

Livello 1 – Ricava informazioni frammentarie e parziali

Livello 2 – Ricava informazioni essenziali e complete

Livello 3 – Ricava informazioni approfondite organiche personalizzate

Si assegna a ciascuno il numero corrispondente al livello di valutazione: 1, 2 o 3. Si raggruppano gli alunni in gruppi da tre in modo che siano presenti i 3 diversi livelli in ciascun gruppo.

Chiedere a ciascun gruppo di collocarsi intorno ad un banco con tre sedie. La disposizione dei banchi e delle sedie nell’aula può essere fatta eseguire dagli alunni stessi oppure l’insegnante può predisporre l’aula prima che gli alunni entrino.

Consegna e attribuzione dei materiali di lavoro

Si consegna a ciascun gruppo del materiale da lavoro, costituito da:

  • Un foglio con la descrizione dello scopo e della procedura dell’attività.
  • Il testo narrativo diviso in tre parti, ciascuna parte su un foglio diverso indicato con i numeri 1, 2 e 3.
  • La tabella delle risposte.
  • 3 schedine che descrivono 3 compiti e 3 schedine che descrivono 3 ruoli.

Ad ognuno si assegna un numero all’interno del gruppo da 1 a 3, e faranno riferimento al numero per distribuire il materiale.

Viene indicata la procedura del lavoro di gruppo: nel gruppo di tre distribuire una tabella delle risposte ciascuno, le tre parti di testo, i sei quesiti e tre ruoli nel seguente modo:

  • L’alunno numero 1 avrà il testo numero 1 con i quesiti Chi e Cosa e il ruolo di Garante del Tempo.
  • L’alunno numero 2 avrà il testo numero 2 con i quesiti Dove e Quando e il ruolo di Garante delle abilità sociali.
  • L’alunno numero 3 avrà il testo numero 3 con i quesiti Perché e Come e il ruolo di Garante del compito.

 

–          Leggere a turno il proprio testo al gruppo.

Al termine della lettura del testo ognuno, con l’aiuto del gruppo, verifica a quale suo quesito possono rispondere le informazioni del testo letto ed elabora la risposta. Inizia il numero 1 e verifica quali sono le informazioni nel testo letto che rispondono a: chi è il personaggio principale e cosa fa; e propone le sue risposte al gruppo.

È importante che ciascuno elabori personalmente la risposta e solo in un secondo tempo può confrontarsi con gli altri compagni di gruppo. Tutti appuntano la risposta formulata dal compagno sulla propria tabella sotto la domanda corrispondente. Lo stesso farà il numero 2 con le informazioni sul dove e quando si realizzano le azioni del personaggio, e a seguire il numero 3 sul perché compie le azioni e agisce.

–          Completato il lavoro sul testo 1 tutti fanno ruotare i due quesiti al compagno sulla destra, in modo che tutti i membri del gruppo si esercitino su tutti i quesiti e si fa partire il lavoro descritto al punto 2 sul testo.

–          Completato il lavoro sul testo 2 si procede ad una nuova rotazione dei quesiti verso destra e parte il lavoro sul testo 3.

Proporre una riflessione individuale in gruppo

Invitare i singoli gruppi a riflettere sul lavoro svolto con la tecnica del “round table”:

–          Ciascun componente del gruppo ha un foglio bianco dove appunterà nella parte alta una delle tre domande descritte di seguite. L’alunno numero 1 segnerà la domanda numero 1, il numero 2 la domanda 2 e il numero 3 la domanda 3.

  1. Il lavoro di gruppo ti ha facilitato o ostacolato nel ricavare informazioni dal testo? In che modo?
  2. Quali tuoi comportamenti hanno permesso al gruppo di completare il compito?
  3. Quali tuoi comportamenti hanno invece ostacolato il lavoro di gruppo? Cosa potresti fare di diverso una prossima attività di gruppo?

–          Ciascuno scrive la sua risposta nella parte bassa del foglio. Dopo aver risposto ripiega il foglio in modo da nascondere la sua risposta e passa il foglio al compagno sulla sua destra, che farà ugualmente con il suo foglio. E avanti così, fino a che tutti avranno simultaneamente risposto alle 3 domande, senza lasciarsi condizionare dalla risposta data dal compagno che lo ha preceduto.

–          Quando ciascuno avrà di nuovo il proprio foglio, il numero 1 lo srotolerà e leggerà al gruppo le tre risposte alla sua domanda. Al termine della lettura deciderà come sintetizzare le tre risposte in un’unica risposta e la segnerà su un foglio di gruppo. Allo stesso modo faranno il numero 2 e il numero 3.

–          Ciascun gruppo esporrà a tutta la classe le sintesi, in modo da creare un momento di condivisione e confronto sul lavoro svolto.

Eseguire la fase 2 dell’attività

–          Obiettivo di questa fase è costruire in gruppo le possibili scene sulla base delle risposte scaturite dall’interrogazione del testo. Successivamente ciascun gruppo espone le sue scene e la classe sceglie quelle che piacciono di più e insieme si decide come rappresentarle.

Per approfondire…

INCLUDERE TUTTI NELLA COMPRENSIONE DEL TESTO