Tag: nibelunghi

mitologia nordica

Posted on Luglio 1, 2012 in [email protected]@

Con mitologia norrena, mitologia nordica, mitologia vichinga o mitologia scandinava ci si riferisce alle credenze religiose pre-cristiane e alle leggende di popoli scandinavi, inclusi quelli che colonizzarono l’Islanda e le Isole Fær Øer, dove le fonti scritte della mitologia norrena furono assemblate.

Il Nibelungenlied, ovvero Canto (Canzone) dei Nibelunghi (tradotto in italiano anche col titolo I Nibelunghi) è un poema epico scritto in alto tedesco medio nella prima metà del XIII secolo. Narra le vicende dell’eroe Sigfrido alla corte dei Burgundi e la vendetta di sua moglie Crimilde, che porta ad una conclusione catastrofica e alla morte di tutti i protagonisti.

Music, story, and libretto all composed by Wilhelm Richard Wagner. Georg Solti: Vienna Philharmonic Orchestra.

IL SIGNORE DEGLI ANELLI: LA COMPAGNIA DELL’ANELLO

Thor è un film del 2011 diretto da Kenneth Branagh, basato su Thor, personaggio della Marvel Comics (e a sua volta ispirato dall’omonimo dio della mitologia norrena).

Beowulf (1999) – Grendel’s mother

gli unni

Posted on Giugno 28, 2012 in [email protected]

È l’alba del 27 giugno anno 451 nel campus Catalaunicus… Inizia un giorno funesto per Attila. Quasi tutte le donne, i vecchi e i bambini del suo popolo sono stati massacrati dai Romani. Così come le bestie, i viveri e i cavalli. Il principe Ellak, figlio di Attila, ha capito che il solo modo di salvare i suoi è negoziare la pace con Roma. Perché fra le legioni di Ezio, i Visigoti e i Franchi il re degli Unni sembra davvero sconfitto… Lupa gli consiglia di abbandonare la Gallia per conquistare nuove terre in Italia. Ma Ellak è andato ad arrendersi a Ezio. È pronto a rinnegare Attila in cambio della protezione di Roma e della tranquillità per il suo popolo. Come controparte, Ezio chiede che gli sia consegnata… la pericolosa Lupa! Là dove le grandi paure della cristianità sono nate e ancora sopravvivono, là dove il vento e le orde delle steppe asiatiche si scontrano col marmo dei palazzi e delle certezze occidentali, da qualche parte sul Danubio, l’urlo straziante di una strana Lupa sale fra i grandi abeti neri. Piangendo la morte di Attila, piange l’agonia di Roma, perché lei appartiene a entrambi i mondi… come le due regine del vasto scacchiere che controllava. Ma Lupa non è in scacco matto. L’arrivo di una grande ombra, sorta dal suo passato, porta la donna-lupa al di là della morte, verso la sua leggenda. Ancora oggi in Transilvania si dice che in inverno, quando c’è la luna piena, il suo urlo si alza nella notte gelata…

Gli Unni erano un popolo guerriero nomade probabilmente di stirpe turco-mongola proveniente dall’Asia Centrale che giunse in Europa nel IV secolo. Secondo fonti locali della loro zona d’origine, gli Unni sarebbero stati padroni incontrastati di tutta l’Asia Centrale dal tardo I secolo alla metà del V secolo.Gli unni preferivano tagliare i capelli corti sulle tempie, lasciando cadere la parte posteriore della folta capigliatura disordinatamente sulle spalle, erano tozzi e bassi. Inoltre, erano soliti rasarsi le guance, che spesso erano tatuate come decorazione dei guerrieri.Guidati dai re Rua, Attila e Bleda, gli Unni si rafforzarono molto.

Attila (406-453) apparteneva alla famiglia reale. Nel 432 gli Unni avevano un tale potere che lo zio di Attila, il re Rua, riceveva un consistente tributo dall’impero. Ottennero la supremazia sui loro rivali, molti dei quali altamente civilizzati, grazie alla loro abilità militare, mobilità e ad armi come l’arco Unno.


Attila, che succedette allo zio, dapprima regnò con il fratello Bleda, ma nel 445 lo fece uccidere, unificò le tribù unne e, ponendosi alla loro guida, nel 447 avanzò nell’Illiria devastando gran parte dei territori tra il mar Nero e il mar Mediterraneo e costringendo gli abitanti a prestare servizio nel suo esercito. Nel 447 sconfisse l’imperatore bizantino Teodosio II, ma non riuscì a espugnare Costantinopoli poiché il suo esercito non era esperto nelle tecniche d’assedio. Tuttavia, Teodosio fu costretto a cedere parte del territorio a sud del Danubio e a pagare agli Unni un tributo annuale.Un contingente di Ostrogoti (goti orientali) fu costretto ad arruolarsi nell’esercito unno e nel 451 Attila invase la Gallia. Nella battaglia dei Campi Catalaunici (situati tra Châlons e le Argonne) subì una sconfitta da parte dell’esercito romano guidato dal generale Flavio Ezio che, alleato con i Visigoti (goti occidentali), a loro volta guidati da Teodorico I (419-451), costrinsero gli Unni a ritirarsi fino al Reno.Nel 452, Attila, ancora sotto gli effetti della pesante sconfitta, invase l’Italia saccheggiando e distruggendo Aquileia, Milano, Padova e altre città, il suo esercito era però decimato da fame e malattie. In Italia, infatti, stava infuriando un’epidemia di colera e di malaria e la Pianura Padana non era in grado di dar sostentamento all’orda barbarica. Attila, a sua volta debilitato e temendo l’arrivo di aiuti dall’Impero di Oriente, accettò la tregua propostagli da un’ambasceria di Valentiniano III, guidata dal Papa Leone I che gli andò incontro presso il Mincio.Attila morì nel 453 mentre stava preparando una nuova invasione dell’Italia. La causa del decesso pare esser attribuibile ad un’emorragia cerebraleIl suo corpo venne posto in tre sarcofagi: il più interno in legno, racchiuso da un secondo in argento puro e da un terzo in oro massiccio. Lo seguirono nella tomba tutte le sue ricchezze, il suo cavallo,le mogli, i servi ed anche gli schiavi che scavarono la fossa, per precauzione, dimodoché nessuno fosse in grado di rivelare il luogo esatto della sepoltura.