Tag: creta

c’è un’isola, creta…

Posted on Novembre 23, 2014 in [email protected]

minotauro2

C’è un’isola, Creta, in mezzo al livido mare,
bella e ricca, cinta dall’onde; e là uomini
innumerevoli, senza fine, e novanta città:
miste le lingue: ci sono gli Achei,
gli Eteocretesi magnanimi, e i Cidoni,
i Dori divisi in tre stirpi e i gloriosi Pelasgi;
tra l’altre, Cnosso, grande città, e là Minosse
per nove anni regnava, l’amico del grande Zeus

Canto IXX dell’Odissea

 

creta

 

 

 

 

 

CRETA

MINOTAUR

FILMCARDS-LUMA FILM: Cnosso e Festo

Antiche civiltà del Mediterraneo – Lez 05 – La civiltà Minoica

Molte grandi opere pertanto della città vostra (Atene) qui si ammirano, ma a tutte una ne va di sopra per grandezza e per valore; perocché dice lo scritto di una immensa potenza cui la vostra città pose termine, la quale violentemente aveva invaso insieme l’Europa tutta e l’Asia, venendo fuori dal mare atlantico. Infatti allora per quel mare la si poteva passare; che innanzi a quella foce stretta che si chiama, come dite voi, colonne d’Ercole, c’era un isola. E quest’isola era più grande della Libia e dell’Asia insieme… In tempi posteriori per altro, essendo succeduti terremoti e cataclismi straordinari, nel volgere di un giorno e di una brutta notte […] tutto in massa si sprofondò sotto terra, e l’isola Atlantide similmente ingoiata dal mare scomparve. Platone nel Timeo

Miti e leggende – Atlantide, Minosse, Argonauti

CRETA 2

LA CIVILTA’ MICENEA

Antiche civiltà del Mediterraneo – Lez 06 – La civiltà Micenea

L’episodio più noto dell’espansione micenea verso Oriente fu la conquista della città di Troia.

LA GUERRA DI TROIA. Tra mito e mistero

Guerra di Troia Stargate

minosse

Posted on Luglio 19, 2012 in [email protected]@

« …: Stavvi Minòs orribilmente, e ringhia:
essamina le colpe ne l’intrata;
giudica e manda secondo ch’avvinghia.
Dico che quando l’anima mal nata
li vien dinanzi, tutta si confessa;
e quel conoscitor de le peccata
vede qual loco d’inferno è da essa;
cignesi con la coda tante volte
quantunque gradi vuol che giù sia messa.… »
(Dante Alighieri Divina Commedia,Inferno, V,4-12)