Tag: britannia

inghilterra: the isle of wonder

Posted on Luglio 28, 2012 in [email protected]

 

Buona sera, Londra. Prima di tutto vi prego di scusarmi per questa interruzione. Come molti di voi io apprezzo il benessere della routine quotidiana, la sicurezza di ciò che è familiare, la tranquillità della ripetizione. Ne godo quanto chiunque altro. Ma nello spirito della commemorazione, affinché gli eventi importanti del passato, generalmente associati alla morte di qualcuno o al termine di una lotta atroce e cruenta vengano celebrati con una bella festa, ho pensato che avremmo potuto dare risalto a questo 5 novembre, un giorno ahimè sprofondato nell’oblio, sottraendo un po’ di tempo alla vita quotidiana, per sederci e fare due chiacchiere. Alcuni vorranno toglierci la parola, sospetto che in questo momento stiano strillando ordini al telefono e che presto arriveranno gli uomini armati. Perché? Perché, mentre il manganello può sostituire il dialogo, le parole non perderanno mai il loro potere; perché esse sono il mezzo per giungere al significato, e per coloro che vorranno ascoltare, all’affermazione della verità. E la verità è che c’è qualcosa di terribilmente marcio in questo paese. Crudeltà e ingiustizia, intolleranza e oppressione. E lì dove una volta c’era la libertà di obiettare, di pensare, di parlare nel modo ritenuto più opportuno, lì ora avete censori e sistemi di sorveglianza, che vi costringono ad accondiscendere a ciò. Com’è accaduto? Di chi è la colpa? Sicuramente ci sono alcuni più responsabili di altri che dovranno rispondere di tutto ciò; ma ancora una volta, a dire la verità, se cercate il colpevole.. non c’è che da guardarsi allo specchio. Io so perché l’avete fatto. So che avevate paura. E chi non ne avrebbe avuta? Guerre, terrore, malattie. C’era una quantità enorme di problemi, una macchinazione diabolica atta a corrompere la vostra ragione e a privarvi del vostro buon senso.

La paura si è impadronita di voi, ed il Caos mentale ha fatto sì che vi rivolgeste all’attuale Alto Cancelliere, Adam Sutler. Vi ha promesso ordine e pace in cambio del vostro silenzioso, obbediente consenso. Ieri sera ho cercato di porre fine a questo silenzio. Ieri sera io ho distrutto il vecchio Bailey, per ricordare a questo paese quello che ha dimenticato. Più di quattrocento anni fa, un grande cittadino ha voluto imprimere per sempre nella nostra memoria il 5 novembre. La sua speranza, quella di ricordare al mondo che l’equità, la giustizia, la libertà sono più che parole: sono prospettive. Quindi, se non avete visto niente, se i crimini di questo governo vi rimangono ignoti, vi consiglio di lasciar passare inosservato il 5 novembre. Ma se vedete ciò che vedo io, se la pensate come la penso io, e se siete alla ricerca come lo sono io, vi chiedo di mettervi al mio fianco, ad un anno da questa notte, fuori dai cancelli del Parlamento, e insieme offriremo loro un 5 novembre che non verrà mai più dimenticato.

The Suffragettes

Mary Poppins e la sua mitica borsa!

“Do-It-Yourself Mr Bean”

La conquista della Britannia

LA CONQUISTA NORMANNA

I GUERRIERI DEL MARE DEL NORD

Un tempo, i Vichinghi erano gli uomini più temuti d’Europa. Una popolazione di guerrieri spietati, che per secoli furono conosciuti per la loro sete di sangue, per la loro barbarie e per il coraggio dimostrato in combattimento. Ma cosa c’è di vero in quest’immagine?
Recenti scoperte archeologiche ci svelano che quella dei Vichinghi era tutt’altro che una società primitiva: inventarono tecnologie sofisticate grazie alle quali riuscivano a coprire lunghe distanze sul mare; riscoprirono tecniche dimenticate per creare armi e combattere in modo del tutto nuovo. Un documentario straordinario che racconta oltre un millennio di segreti dei Vichinghi, i guerrieri venuti dal mare.

I Vichinghi

Al grido di: “DIO LO VUOLE!” i Crociati, nel medioevo, per oltre duecento anni, tentarono di liberare la città Santa di Gerusalemme dal nemico infedele musulmano.

La terza Crociata ebbe luogo alla fine del XII secolo ed oltre ad essere la più famosa è anche colei che vide affrontarsi due grandi figure dell’epoca:

Riccardo Cuor di Leone, Re d’Inghilterra e Saladino, Sultano d’Egitto e di Siria.

Il “feroce” Saladino ispiratore dei nobili ideali della Cavalleria medioevale!

Robin Hood – Giovanni re fasullo d’Inghilterra

Regia: Ridley Scott – Cast: Russell Crowe, Cate Blanchett
Robin Hood racconta la vita di un esperto arciere dell’esercito di Re Riccardo I. Siamo nell’Inghilterra del XIII secolo; alla morte del Re Riccardo Robin si reca a Nottingham, una città afflitta dalla corruzione e sull’orlo della carestia a causa delle tasse elevatissime imposte ai suoi sudditi da un dispotico sceriffo. Lì troverà l’amore della sua vita nella vedova Marion. Sperando di ottenere la mano di Marion e di salvare il villaggio, Robin e la sua banda combattono contro la corruzione nel villaggio e sfidano la monarchia a modificare gli equilibri di potere tra il re e i suoi sudditi. Fuorilegge oppure eroe, un uomo di origini umili diventerà un simbolo eterno di libertà per la sua gente.

Le crociate – Ridley Scott’s film starring Orlando Bloom, Jeremy Irons, Eva Green, Liam Neeson, Ghassan Massoud, Alexander Siddig, Edward Norton, Brendan Gleeson, David Thewlis, Marton Csokas, Michael Sheen, Kevin McKidd, Khaled Nabawy, Philip Glenister.
Il giovane fabbro Baliano (Orlando Bloom) incontra un cavaliere che scopre essere suo padre (Liam Neeson), in partenza per le crociate. Lo segue prima riluttante e poi del tutto impegnato nella ricerca della propria natura guerriera e della propria identità familiare.
Quando Gerusalemme viene assediata da Saladino, toccherà a Baliano difendere la città e la sua popolazione. Ed egli, dopo esservi riuscito, cederà la città al nemico a patto che la popolazione non venga uccisa e che questa possa andarsene senza che le venga fatto alcun male.
Baliano tornerà in Francia e, ormai stanco della guerra e delle sue atrocità, non vorrà unirsi al re di Inghilterra e ai suoi cavalieri che ritorneranno a Gerusalemme per riconquistarla.

BBC’s Shakespeare Unlocked : The Hollow Crown Trailer

Famosissimo discorso di Enrico V ad Azincourt prima della sua straordinaria vittoria contro le truppe Francesi – Enrico V di Kennet Branagh

The Battle of Agincourt was a major English victory against a numerically superior French army in the Hundred Years War. The battle occurred late October 1415 near modern day Azincourt in northern France. Henry V’s victory had a crippling effect on France and started a new period in the war during which Henry married the French kings daughter and his son was made heir to the throne of France. However his battlefield successes were not capitalized on by his heir Henry VI.

ENRICO VIII

“Anna Bolena” (Gaetano Donizetti)

Elisabetta I: Dio salvi la Regina!

Edward de Vere, conte di Oxford, era un poeta e un drammaturgo affermato alla corte della regina Elisabetta nel XVI secolo. Alcune teorie letterarie del XX secolo ritengono che sia lui in realtà l’autore dei lavori attribuiti a Shakespeare.
Diretto da Roland Emmerich
Interpreti Jamie Campbell Bower, Rhys Ifans, David Thewlis, Joely Richardson, Vanessa Redgrave, Derek Jacobi, Xavier Samuel, Rafe Spall, Edward Hogg, Vicky Krieps.

La Rivoluzione Inglese

Racconto dei principali fatti che portarono alla rivoluzione industriale e le conseguenze di essa.

Hysteria è un film del 2011, diretto da Tanya Wexler e interpretato da Hugh Dancy, Maggie Gyllenhaal, Felicity Jones, Rupert Everett e Jonathan Pryce.
La pellicola, ambientata in Inghilterra durante l’epoca vittoriana, tratta l’invenzione del vibratore, originariamente nato per curare l’isteria. La regista Tanya Wexler, laureata in psicologia dei generi sessuali, è stata subito attratta dal soggetto presentatogli dall’amica sceneggiatrice Jonah Lisa Dyer. Tuttavia la realizzazione del film è durata 7 anni a causa della difficoltà di trovare produttori e distributori. Le riprese, avvenute a Londra e in Lussemburgo, sono durate un mese circa tra ottobre e novembre del 2010. I figli della regista fanno da comparsa durante la scena all’asilo.

“La Duchessa” con Keira Knightley. La diciassettenne Georgiana Spencer viene data in sposa a William di Devonshire, potentissimo duca che mette subito in chiaro di desiderare un erede maschio e non nasconde la propria delusione, se non la rabbia, alla nascita di due femmine. Ritrovandosi con un marito che è l’unico uomo in Inghilterra a non amarla, Georgiana si rifugia nella moda, nel gioco e nella politica; sostiene apertamente i Whig e Charles Grey, di cui si innamora e che la ama, e diviene un’icona della sua epoca. Nonostante William viva apertamente la propria relazione con l’amica di entrambi Bess Foster, però, Georgiana è costretta a scegliere tra le sue figlie e Charles.

Jane Eyre

Il Discorso del Re

Le Avventure di Peter Pan

Londra 1904. Ecco come lo scrittore James Barrie inventa la storia di Peter Pan, il celebre classico di narrativa per ragazzi, rappresentato per la prima volta al Duke of York Theatre. Dopo aver conosciuto la bella vedova Sylvia Llewelyn Davies e i suoi quattro figli, Barries, annoiato dai soliti argomenti letterari del suo tempo, trova una nuova fonte di ispirazione frequentando la giovane famigliola. Con estremo disappunto da parte di amici e parenti, lo scrittore passa il tempo a inventare scherzi e divertimenti con le storie ambientate in mondi fantastici popolati da fate, pirati, castelli e galeoni, di cui i piccoli Llewelyn Davies sono protagonisti sotto il nome dei “Bambini Perduti dell’Isola che non c’è”. Quando lo scrittore decide di portare in scena queste fantastiche avventure, il produttore e la compagnia teatrale mostrano evidenti segni di scetticismo, ma alla fine Berrie riesce a convincere tutti e a portare avanti il nuovo progetto, che, una volta pronto per la sua rappresentazione, riscuoterà inaspettatamente grande sucesso. Intanto la sorte si accanisce ancora una volta sui piccoli protagonisti reali della storia e la loro vita e quella di James Barrie subisce grandi cambiamenti.

Ivanhoe was a 1997 television mini-series based on the novel Ivanhoe by Sir Walter Scott. It was a produced by the BBC and A&E Network and consisted of six 50 minute episodes.

la leggenda di re artù

Posted on Giugno 28, 2012 in [email protected]@, [email protected]

Edizioni Comma 22 – Primo volume della saga di Re Artù creata in Francia dal duo David Chauvel ai testi e Jérome Lereculey ai disegni.

Re Artù, figlio di re Uther Pendragon, è un’importante figura delle leggende della Gran Bretagna, dove appare come la figura del monarca ideale sia in pace sia in guerra.La storicità di Re Artù è stata a lungo dibattuta dagli studiosi, ma negli anni si è raggiunto un consenso nel ritenere sostanzialmente leggendaria la figura del sovrano. Una scuola di pensiero avanzerebbe l’ipotesi che fosse vissuto nel tardo V secolo o agli inizi del VI secolo, che fosse stato un romano-britannico e che avesse combattuto il paganesimo sassone. I suoi ipotetici quartieri generali si sarebbero trovati in Galles, Cornovaglia, o ad ovest di ciò che sarebbe diventata l’Inghilterra. Ad ogni modo, le controversie sul centro del suo potere e sul tipo stesso di potere che esercitava continuano oggi.Nel Merlin di Robert de Boron, re Artù ottiene il trono estraendo una spada da una roccia. Nel racconto estrarre la spada è possibile solo a colui che è “il vero re”, inteso come l’erede di Uther Pendragon. La spada del racconto è presumibilmente la famosa Excalibur. Questo provocò una ribellione da parte degli undici governatori che Artù depose immediatamente. Successivamente sposò Ginevra il cui padre diede ad Artù La Tavola Rotonda come dote e divenne il luogo dove i suoi cavalieri potevano riunirsi evitando così dispute su chi dovevesse governare poichè la Tavola Rotonda metteva tutti sullo stesso piano. Da questo momento seguì un regno fatto di splendore e magnificenza; la corte di Artù divenne il centro focale dove nacquero molti eroi. Nella guerra contro i Romani, Artù sconfisse l’Imperatore Lucio e lui stesso divenne imperatore. Comunque, il suo più illustre cavaliere, Lancelot, si innamorò di Ginevra, ma la loro relazione segreta venne alla luce e la ricerca del Santo Graal incominciò.
Così Lancelot fuggì mentre Ginevra fu condannata a morte. In seguito Lancelot la liberò e la portò nel suo regno. Ciò spinse Artù ad attraversare lo Stretto per combattere il suo ex prediletto cavaliere.

La figura di Re Artù e dei suoi cavalieri indagata attraverso le testimonianze di antichi documenti storici e tradizioni popolari.

la bellissima canzone di presentazione e introduzione parlata del film “La spada nella roccia” della Disney, immortale nei ricordi di infanzia

Perry racconta in mezzo a central park, la storia di un giovane re che punito per la sua superbia, passò la vita da solo alla ricerca del Graal e del perdono di Dio.Solo un semplice di spirito riuscirà a metterlo in pace con se stesso.


Il titolo è altamente significativo. La “terra desolata” è contemporaneamente la terre gaste dei poemi epici medievali, cioè un territorio devastato, sterile e mortale che devono attraversare i cavalieri per arrivare al Graal (uno dei simboli centrali del poemetto), e il mondo moderno, contrassegnato dalla crisi e dalla sterilità della civiltà occidentale, giunta forse al termine del suo percorso: non va ignorato il fatto che la prima guerra mondiale, terminata neanche quattro anni prima della pubblicazione del poemetto, era stata vissuta come un’inutile e folle strage che aveva dilapidato milioni di vite e portato quasi alla bancarotta le grandi nazioni europee. La “terra desolata” è anche Londra, città dove Eliot risiedeva, e nella quale ha ambientato alcune scene del poemetto


« E quelli che verranno dopo di noi ricorderanno che al mondo sono esistiti i soldati romani, le spade romane… e il cuore romano. Ave Cesare! »

Nell’anno 476 l’Impero Romano d’Occidente è sotto l’attacco delle armate del Generale Erulierulo.Le forze fedeli all’impero sono state annientate e l’Imperatore Augusto, un bambino di soli 13 anni, è stato arrestato, deposto a Capri. Nel frattempo a Dertona, dove sorge il castrum dell’ultima Legione romana legione, la “Nova Invicta”, infuria la battaglia contro i cavalieri eruli.
L’ufficiale Aureliano Ambrosio distaccatosi dai suoi compagni, cavalca disperatamente verso la villa del nobile Flavio Oreste per chiedere aiuto, ma la trova distrutta dagli eruli, e può soltanto ricevere l’ultima richiesta di Oreste morente: salvare e proteggere Romolo Augusto, suo figlio, ultimo Imperatore di Roma. Qui lo libera assieme al suo precettore Meridius Ambrosinus, e viene in possesso di un prezioso oggetto: la leggendaria Spada Calibica di Gaio Giulio Cesare. Inseguiti da presso dallo spietato Wulfila, luogotenente di Odoacre, e dai suoi cavalieri eruli, l’eterogeneo gruppo continuerà a fuggire. Giunti infine in Britannia, scopriranno che il ricordo della passata romanità, e con essa della vecchia e leggendaria Legio XII Draco, non è ancora del tutto scomparso. Minacciati ancora da Wulfila, e in più dal vecchio tiranno Wortigern, che regna su gran parte dell’isola, celato da una maschera d’oro, decidono di affrontare tutti i loro nemici in una battaglia finale.
In questa ultima battaglia si scontreranno i nostri eroi che riusciranno a sconfiggere i barbari vincendo definitivamente la lunghissima guerra. In essa verranno feriti alcuni dei legionari e trafitto da tre lance ed inchiodato ad un albero il fedele amico di Aurelio, Vatreno.Infine Wulfila, lo spietato guerriero erulo, nell’atto di uccidere selvaggiamente Romolo verrà ucciso da Aurelio che gli trapassa il corpo con la spada. La vittoria è quindi per Aurelio e Romolo, nella sua vittoria lancerà in aria la Spada di Cesare ed essa si conficcherà nella roccia posta al centro del lago stesso ed infine da lui, detto dai Romani Pendragon, e da Kustennin, figlia del comandante della legio XII, nascerà un nuovo figlio che sarà in futuro il leggendario protagonista del ciclo arturiano: “Re Artù e i cavalieri della tavola rotonda”.

The end of an empire… the beginning of a legend

Alan Stivell – La Blessure D’Arthur