romanticismo e natura

                 ... chi si affatica in un tendere perenne, 
                         costui lo possiamo salvare ... 
                              Faust, Goethe
Caspar David Friedrich, Il Sognatore, 1835

INTRO

Nei quadri dei pittori romantici la natura è spesso intesa come specchio della spiritualità umana: la profondità di un abisso diventa metafora della profondità dell'anima; la vastità dell'orizzonte rispecchia l'infinito che i filosofi idealisti pongono a fondamento dell'uomo. La cultura romantica muta profondamente il modo di considerare la natura. Mentre l'illuminismo aveva puntato sull'analisi scientifica, neutrale e oggettiva, per il romanticismo la natura va "sentita" entrando con essa in un rapporto di empatia e facendone uno specchio della spiritualità umana. Il piacere che ci dà la contemplazione della natura, sotto ogni sua forma, non è di tipo estetico ma morale. più che la bellezza del mondo ne apprezziamo la spiritualità e le possibili consonanze con l'esistenza umana. 

DESCRIZIONE

ATTIVITA’

Scegliete un autore tra quelli indicati avendo cura di distribuire il lavoro tra i compagni in modo da non trascurare nessun autore e da non utilizzare lo stesso argomento.
Immaginate di gironzolare in una biblioteca o in una libreria o in una galleria d'arte o un rave di musica classica o fatelo davvero, cercando opere del vostro autore legate ai concetti sottolineati nella mappa sul Romanticismo qui allegata (assoluto, sentimento, infinito, sublime, popolo).
Riportate la vostra poesia, brano, pezzo musicale, immagine, nel documento di Classroom con un breve (1/2 pagina) commento personale esplicativo della scelta.

1) Goethe
2) C.D. Friedrich
3) Hölderlin
4) Novalis
5) George Sand
6) Fichte
7) Füssli
8) Beethoveen
9) Schelling
10) Coleridge
11) Lord Byron
12) Mary Shelley
13) Edgar Allan Poe
14) Jane Austen
15) William Turner
16) Chopin
17) Emily Dickinson

IL FILM