lo sguardo euristico

L’attivismo visuale è una metodologia didattica innovativa pensata in modo trasversale e interdisciplinare ed ha una particolare vocazione ad essere utilizzata come strumento per l’educazione civica. 
Una tecnica per sviluppare lo sguardo euristico in ambito educativo dove le immagini non sono solo illustrazioni ma strumenti di conoscenza che possono portare ad un cambiamento.  
A partire dalle già consolidate pratiche del photovoice, l’attivismo didattico visuale può essere proposto come percorso didattico in tre fasi:
1) lo studente impara la distinzione fra guardare e vedere sviluppando così quello che è stato definito da Isabel de Maurissens e Giuseppe Losacco come “sguardo euristico”
2) successivamente agisce come protagonista del cambiamento, attraverso la produzione di immagini che hanno l’obiettivo di sensibilizzare la comunità su problematiche sociali che ci riguardano tutti da vicino, anche se a prima vista può non sembrare così
3) infine organizza un percorso monografico sul tema affrontato proprio a partire dall'immagine.

FOTO STIMOLO

Le immagini vengono proposte dal docente per attivare la riflessione si di una determinata tematica.

NATIVE IMAGE MAKING

Il docente chiede agli studenti di esprimere per immagini i propri punti di vista sulla tematica. 

ATTIVISMO DIDATTICO

Le immagini, scelte o prodotte dagli studenti, serviranno a veicolare un messaggio, al di fuori della classe. 

Foto: Zanele Muholi