la scommessa di pascal

                        ... Ammirevole! Sì, bisogna scommettere, 
                                ma forse rischio troppo ...
Pascal immagina un dialogo con uno scettico discutendo l'esistenza di Dio alla luca della ragione. Dio, se c'è. non può essere spiegato dall'uomo. Occorre allora valutare le due ipotesi, la sua esistenza e la sua non esistenza, scommettendo su una di queste possibilità. 
Blaise Pascal è un film del 1971 diretto da Roberto Rossellini.

INGREDIENTI

CONTESTO
VITA 
OPERE 
COMMENTI

STRUMENTI

LIBRO
MAPPA
VIDEO
COMPUTER

SPIEGAZIONE

Accanto all'itinerario che indica nella fede la risposa alle contraddizioni dell'uomo, Pascal propone anche l'argomento della scommessa o il pari. Il rapporto fra il rischio e la posta in gioco deve far propendere, anche per un semplice calcolo matematico, per la sua esistenza: infatti, se Dio c'è e viviamo come se ci fosse, rischiamo al massimo qualche rinuncia inutile, ma se Dio c'è e viviamo come se non ci fosse, ci giochiamo la felicità eterna e rischiamo la dannazione.  

TESTO

Se c'è un Dio, è infinitamente incomprensibile, perché, non avendo né parti né limiti, non ha nessun rapporto con noi. Siamo, dunque, incapaci di conoscere che cos'è, né se esista...
...“Dio esiste o no?” Ma da qual parte inclineremo? La ragione qui non può determinare nulla: c'è di mezzo un caos infinito. All'estremità di quella distanza infinita si gioca un giuoco in cui uscirà testa o croce. Su quale delle due punterete? Secondo ragione, non potete puntare né sull'una né sull'altra; e nemmeno escludere nessuna delle due.
Non accusate, dunque, di errore chi abbia scelto, perché non ne sapete un bel nulla. “No, ma io li biasimo non già di aver compiuto quella scelta, ma di avere scelto; perché, sebbene chi sceglie croce e chi sceglie testa incorrano nello stesso errore, sono tutte e due in errore: l'unico partito giusto è di non scommettere punto”.
Sì, ma scommettere bisogna: non è una cosa che dipenda dal vostro volere, ci siete impegnato. Che cosa sceglierete, dunque? Poiché scegliere bisogna, esaminiamo quel che v'interessa meno. Avete due cose da perdere, il vero e il bene, e due cose da impegnare nel giuoco: la vostra ragione e la vostra volontà, la vostra conoscenza e la vostra beatitudine; e la vostra natura ha da fuggire due cose: l'errore e l'infelicità. La vostra ragione non patisce maggior offesa da una scelta piuttosto che dall'altra, dacché bisogna necessariamente scegliere. Ecco un punto liquidato. Ma la vostra beatitudine? Pesiamo il guadagno e la perdita, nel caso che scommettiate in favore dell'esistenza di Dio. Valutiamo questi due casi: se vincete, guadagnate tutto; se perdete, non perdete nulla. Scommettete, dunque, senza esitare, che egli esiste.
“Ammirevole! Sì, bisogna scommettere, ma forse rischio troppo”. Vediamo. Siccome c'è eguale probabilità di vincita e di perdita, se aveste da guadagnare solamente due vite contro una, vi converrebbe già scommettere. Ma, se ce ne fossero da guadagnare tre, dovreste giocare (poiché vi trovate nella necessità di farlo); e, dacché siete obbligato a giocare, sareste imprudente a non rischiare la vostra vita per guadagnarne tre in un giuoco nel quale c'è eguale probabilità di vincere e di perdere. Ma qui c'è un'eternità di vita e di beatitudine. Stando così le cose, quand'anche ci fosse un'infinità di casi, di cui uno solo in vostro favore, avreste pure sempre ragione di scommettere uno per avere due; e agireste senza criterio, se, essendo obbligato a giocare, rifiutaste di arrischiare una vita contro tre in un giuoco in cui, su un'infinità di probabilità, ce ne fosse per voi una sola, quando ci fosse da guadagnare un'infinità di vita infinitamente beata. Ma qui c'è effettivamente un'infinità di vita infinitamente beata da guadagnare, una probabilità di vincita contro un numero finito di probabilità di perdita, e quel che rischiate è qualcosa di finito.»
(Blaise Pascal, I Pensieri, 233)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.