hobbes e il leviatano

       ... fa ribollire come pentola il gorgo, fa del mare come un vaso di unguenti. Nessuno sulla terra è pari a lui, fatto per non aver paura. Lo teme ogni essere più altero; egli è il re su tutte le bestie più superbe ...
                     Giobbe 40:25-32, 41:1-26
Distruzione del Leviatano, incisione del 1865 di Gustave Doré.

INTRO

Thomas Hobbes fu uno dei più grandi filosofi del XVI secolo, le sue opera ruotano intorno all’idea che la natura dell’uomo sia egoista e fortemente competitiva. Questo concetto si può riassumere nelle frasi Bellum omnium contra omnes (la guerra di tutti contro tutti) e Homo homini lupus (ogni lupo è lupo per un altro uomo). Fu inoltre un sostenitore delle correnti filosofiche del Giusnaturalismo e dello Stato di natura. Tutti i suoi studi sono alla base della moderna antropologia politica. 
Dopo i primi studi in Inghilterra, viaggiò sia in Italia e successivamente in Francia,
entrò in contatto con le più grandi personalità italiche e francesi, sia in campo filosofico che scientifico. Dopo questo lungo giro, fece ritorno in Inghilterra intorno al 1647, proprio mentre scoppiava la Prima guerra civile inglese. Fu in questo clima che Hobbes scrisse la sua opera più famosa, Il Leviatano, opera che critica aspramente l’istituzione dello stato moderno.
Nella Bibbia il Leviatano è un mostro che incute paura a tutti, invincibile e superiore in forza e ferocia a ogni altra belva. Adottando per la sua opera tale titolo, Hobbes ha voluto mettere in evidenza l'assolutismo del potere statale: lo Stato è una "persona artificiale", è creato dagli uomini ma, una volta costituito, non tollera alcuna opposizione. La sovranità ne è l'anima artificiale, che dà vita al corpo, i magistrati sono le sue articolazioni, le punizioni i suoi nervi. 
Nel frontespizio del libro di Hobbes vi è rappresentata questa metafora del Leviatano, nella parte inferiore sono sintetizzati i simboli del potere politico e quelli del potere religioso: il castello e la Chiesa.        
Nel film di Andrej Zvjagincev, Vadim è lo Stato, il suo eccesso e la mancanza in esso di giustizia sociale. Come il Leviatano di Hobbes, è intoccabile, la sua parola è legge, non esiste modo per ostacolarlo. Nel metterlo sempre a braccetto con preti e vescovi, Zvjagincev evidenzia come l’alleanza tra Stato e Chiesa sia il suggello che permette al potere di essere assoluto. Nello scenario desolante del mare che bagna le rive del villaggio di Teriberka avvertiamo la presenza del Leviatano biblico nelle inquietanti carcasse spiaggiate di cetacei e nel manifestarsi di essi attraverso le pinne caudali scorte fra le onde. 
Indicazioni by Girl Power

INGREDIENTI

CONTESTO
VITA
GIUSNATURALISMO
MATERIALISMO
CONTRATTUALISMO

STRUMENTI

MAPPE
MANUALE: La rete del pensiero - Loescher
CINEMA: Leviathan di Andrej Zvjagincev, Gangs of New York di Martin Scorsese
COMPUTER
OPERA: Leviathan - Hobbes                                                                                

DESCRIZIONE

IL TESTO

IL FILM

Gangs of New York è una perfetta rappresentazione dello stato di natura descritto da Hobbes. Finché manca un potere comune capace di assoggettare le diverse gang, si respira un clima di costante tensione. La paura preserva l'ordine in uno Stato che si regge sull'esercizio della violenza. 

ISTRUZIONI

Organizzate un lavoro collettivo di classe con il fine di stilare un documento di:
max 2 pagine, 5000 caratteri, impostato per punti o articoli in cui precisare: 
* le problematiche che sussisterebbero in un ipotetico "stato di natura" della classe, cioè una condizione in cui manchi un'autorità (insegnante, rappresentante).
* quali devono essere le regole della comunità-classe funzionali alla realizzazione di un obiettivo comune e se risulta necessario istituire un'autorità che le faccia rispettare.
* quali sono le prerogative e i doveri di tale autorità e in che modo è possibile esercitare un controllo sul suo operato, arrivando a destituirla in caso di inefficienza. 

RIVISITAZIONI

ORDINE E SICUREZZA
La sicurezza della comunità è una ragione sufficiente per comprimere le libertà individuali?
DIRITTI E LIBERTA'
Oppure, le libertà individuali rappresentano un diritto umano imprescrittibile, anche a costo di un maggior rischio per la comunità? 

NOTE AGGIUNTIVE