formulare domande

        ... Se avessi solo un’ora per risolvere un problema 
                 e la mia vita dipendesse da questo, 
      userei i primi 55 minuti per formulare la domanda giusta, 
                      perché, una volta trovata, 
          potrei risolvere il problema in meno di 5 minuti ... 
                                         Albert Einstein
Spesso questo metodo parte da una discussione. 
Da lì, si passa alla concettualizzazione in cui gli studenti generano domande e definiscono un'ipotesi. 
Questo porta ad indagini, dove gli studenti esplorano, sperimentano e interpretano i dati, spesso in un modo che è flessibile e dinamico. 
Infine, si spostano su una conclusione.
Heather Banchi e Randy Bell definiscono quattro diversi tipi di richiesta che varia su uno spettro che va da: centrato sull'insegnante/strutturato a centrato sul discente/aperto. 
* Il livello 1 è l'indagine di conferma, in cui l'insegnante insegna i concetti, crea le domande, e modella il processo per gli studenti. 
* Il Livello 2: è l'indagine strutturata, dove l'insegnante crea le domande iniziali e condivide le procedure, quindi percorre il resto del processo di indagine raccogliendo e analizzando i dati e traendo conclusioni. 
* Il livello 3 è l'indagine guidata, dove l'insegnante fornisce le domande di ricerca, ma gli studenti possiedono il processo di ricerca o sperimentazione. 
* Il livello 4 è l'indagine aperta/vera. Qui gli studenti formulano le proprie domande, progettano i propri esperimenti o ricerche, raccolgono i propri dati e condividono le proprie scoperte.
Gli insegnanti dovrebbero iniziare con i livelli 1 e 2 e usarli come impalcature, in modo che gli studenti possano imparare il processo di indagine. 
Se vogliamo che gli studenti posseggano il loro apprendimento, abbiamo bisogno che rimangano curiosi. Ed è per questo che l'apprendimento basato sull'indagine è così prezioso. John Spencer
Harry fonda la sua scuola chiamata L’esercito di Silente. Qui l’insegnamento è basato sull’inchiesta.
Harry è di lato mentre al centro del processo di apprendimento, con loro domante ed esplorazioni, ci sono gli studenti.
E' l'essenza del metodo socratico.  
Le domande possono essere formulate per: 
* ottenere dall'interlocutore informazioni 
* mettere l'interlocutore in difficoltà domandandogli ciò che supponiamo non possa sapere 
* chiedere di una questione a cui pensiamo non vi sia risposta 
* far emergere ciò che è implicito, non detto, in un discorso. 

Domande ben calibrate dimostrano che: 
* si conoscono già le risposte 
* si sono comprese le principali questioni affrontate 
* si possono memorizzare i punti chiave di un discorso 
* si può ripassare velocemente 

Le domande possono essere: 
 * speculative/metafisiche Che cosa è? 
 * psicologiche Che cosa devo pensare? 
 * pragmatiche Come devo comportarmi? 
 * retoriche, rispondendo con una domanda la cui risposta è evidente