Crea sito

esame di stato: fabbisogno energetico per soggetti in età compresa fra i 18 e i 29 anni

Posted on Giugno 15, 2013 in filosofia

fabbisogno_energetico_giornaliero 1di Julia Ferrara

L’ uomo, attraverso l’ alimentazione, si procura gli elementi necessari per mantenere l’ equilibrio chimico del corpo. L’ organismo umano può essere paragonato ad una macchina che utilizza l’ energia chimica degli alimenti per le sue attività vitali.

La necessità di garantire un’ alimentazione equilibrata sta divenendo una vera e propria emergenza in quanto sia in Italia che in altri paesi industrializzati si registrano tassi sempre più preoccupanti di patologie derivanti da  una scorretta alimentazione, inoltre, le cosiddette malattie del benessere, tendono a manifestarsi in età sempre più precoce.

Fabbisogno energetico giornaliero: quantità di energia necessaria a compensare il dispendio energetico giornaliero di un individuo che mantenga un livello di attività fisica sufficiente, per partecipare attivamente alla vita sociale ed economica ( FAO/WHO/ONU, 1985; LARN 1996).

Esso è costituito da tre componenti:

  1. Metabolismo basale: quota di energia spesa per poter compiere le attività fisiologiche di base come ad es. l’ attività cardiaca e respiratoria ( dipende da sesso, età ed altri fattori)
  2. Termogenesi indotta da alimenti: quota di energia spesa per digerire ed assorbire i nutrienti introdotti con il cibo
  3. Attività fisica: è la quota maggiormente variabile perché dipende dal tipo di attività fisica praticata.

Per impostare una dieta equilibrata è necessario stabilire il fabbisogno energetico giornaliero, esso varia per ogni  singolo individuo. Un metodo semplice per calcolare il fabbisogno energetico giornaliero è il seguente:

Fabbisogno energetico giornaliero: MB x LAF

Nel nostro progetto abbiamo determinato il fabbisogno energetico e la distribuzione dei nutrienti nell’ arco della giornata di uno studente maschio, di anni 18, alto 1,75 m che pratica attività fisica moderata. Il primo step è stato calcolare il peso teorico del soggetto che è funzione del sesso e dell’ età: per il nostro lavoro abbiamo utilizzato la “formula di Lorenz”.

Una volta determinato il peso teorico abbiamo proceduto con il calcolo del MB e del LAF utilizzando i parametri della Commissione della Comunità Europea i quali sono  tabellati e dipendono dai seguenti fattori: sesso, età e livello di attività ( leggero, moderato, pesante).

Composizione schema dietetico

Composizione schema dietetico

piano alimentare

distribuzione percentuale dei nutrienti nell’arco della giornata

 

Comments are closed.