agostino: la fede e l’intelligenza

         ... che profondo mistero è mai l'uomo! 
      E' più facile contare il numero dei suoi capelli 
       che non gli affetti e i moti del suo cuore ...
Roberto De Santis, Conversione di Agostino, 1986

INTRO

Accade con Agostino quello che non accade con nessun altro filosofo: ne possiamo incontrare il volto sulle pareti e sulle volte di centinaia di chiese, conventi in tutta Europa. Attraverso questa sterminata iconografia Agostino costringe i suoi interpreti di andare oltre la rappresentazione di maniera, per cogliere il nucleo profondo della sua personalità filosofica e della sua spiritualità. Allora diventa il filosofo dell'interiorità, il narratore dell'anima che cerca la verità dentro di se stessa, guidata dalla luce divina. 
Ma questo Agostino "illuminato" ne presuppone un altro: inquieto, dubbioso, diviso. Così l'artista De Santis racconta di un'anima nuda, immersa nell'oscurità, protesa nello sforzo di raggiungere la luce. 
Fu nei sermoni di Ambrogio, vescovo di Milano dal 374, che Agostino scoprì la possibilità di cogliere lo "spirito che vivifica". Trovò anche l'integrazione di cristianesimo e neoplatonismo. L'ambiente intellettuale milanese della fine del IV secolo, infatti era tutto permeato di platonismo cristiano. Il radicale antimaterialismo di Plotino, la concezione dell'Uno trascendente, la visione gerarchica del mondo erano tutti elementi che facevano del neoplatonismo, la filosofia più facilmente assimilabile negli schemi tradizionali della fede e della dottrina cristiana.  

IL PODCAST

Agostino è un autore inquieto, la cui ricerca intellettuale ed esistenziale sembra destinata a non esaurirsi mai, così che ogni conquista risulta l'inizio di una nuova indagine. Insoddisfatto degli studi compiuti, della vita disordinata e dissoluta condotta negli anni della giovinezza, delle filosofie che man mano abbraccia, giunge infine a una conversione che non è soltanto religiosa: l'adesione alla fede cristiana rappresenta un evento che coinvolge ogni aspetto della sua vita e del suo pensiero.  
Ecco le nostre domande: 
Da dove ha origine l'incessante insoddisfazione dell'anima? Come si trova e in che cosa consiste la verità? Che cos'è il tempo? Da dove proviene il male?

BAGAGLIO

* La filosofia cristiana
* Lo scetticismo
* La tarda antichità
* Neoplatonismo

STRUMENTI

* Mappe di sintesi 
* La filosofia dalla scala di servizio, Raffaello Cortina Editore
* La rete del pensiero, Loescher 

DESCRIZIONE

LA STORIA

IL TESTO

IL FILM

Il grande silenzio di Philip Gröning, 2004
Dopo anni di richieste di permessi il regista riesce a realizzare un docufilm all'interno del monastero della Grande Chartrese, sulle alpi francesi. Per sei mesi vive da solo in una cella unendosi alla vita dei monaci certosini registrando solo rumori naturali e canti di preghiera. Lo scopo sarà quello di far percepire l'atmosfera del convento e la fede dei monaci. Il silenzio è necessario per intraprendere il cammino dentro di sé e ascoltare la propria interiorità dove risuona la parola di Dio, la verità, il Verbum. 

ATTIVITA’

GIOCO DINAMICO: IL ROMANZO DELLA MIA VITA 
Materiali occorrenti: foglio bianco e penna.
Un respiro profondo … RESPIRAZIONE RILASSATA … 5 minuti … chiudere gli occhi.
Avete davanti a voi IL LIBRO DELLA VOSTRA VITA scritto da un anonimo biografo.
Quello che interessa è LA PRIMA PAGINA DEL LIBRO
Sempre con gli occhi chiusi visualizzare L’INIZIO DEL PRIMO CAPITOLO. 
L'autobiografia può iniziare da qualsiasi evento, a qualsiasi età, non necessariamente dal primo giorno.
Cinque minuti di concentrazione sul tema …
Ora scrivete sul foglio bianco COME AVRESTE VOLUTO CHE INIZIASSE IL RACCONTO DELLA VOSTRA VITA. 
Nel caso di Agostino, la biografia è un dato fondamentale: è riflettendo sulla sua vita che egli mette a fuoco i temi fondamentali della ricerca. Le sue vicissitudini sono rilette come un itinerario di formazione, che sperimenta diverse possibilità soffermandosi sul percorso interiore ed esplicitando desidero, dubbi, tentennamenti e speranze. Nell'opera più famose, le Confessioni, Agostino mette a nudo se stesso e inaugura il genere letterario dell'autobiografia, che avrà grande fortuna nel mondo moderno. Qui l'autore scrive di sé, senza proporsi come modello, anzi enfatizzando il suo travaglio interiore, le sue colpe, i suoi errori. Descrive il percorso che lo ha condotto a ritrovare in Dio il senso della propria esistenza. Dio però non è solo l'oggetto della ricerca, ma è l'interlocutore diretto della narrazione che spesso si trasforma in invocazione e preghiera. 
RIFLESSIONE SUL TEMPO 
Che cos'è il tempo? Se nessuno m'interroga, lo so; se volessi spiegarlo a che mi interroga, non lo so. Questo però posso dire con fiducia di sapere: senza nulla che passi, non esiterebbe un tempo passato; senza nulla che venga, non esisterebbe un tempo futuro; se nulla esistesse, non esisterebbe un tempo presente. Come vivi personalmente il tempo?

NOTE A MARGINE

LA FILOSOFIA COME INTROSPEZIONE E IL VALORE DELLA MEDITAZIONE
Dalla gnoseologia dell'illuminazione interiore deriva la pratica della filosofia come meditazione interiore, intimo colloquio con se stessi. Puoi confrontare gli altri esercizi spirituali proposti dai filosofi ellenistici come strumenti per arrivare alla felicità.